andreabrambo.it

Una visita alla Squadra Rialzo Milano Centrale

Sabato scorso, in occasione delle giornate FAI di primavera, ho avuto l’occasione di recarmi insieme ad un collega, alle OMV (officine manutenzione vetture) Squadra Rialzo Milano Centrale. Le Officine o Squadre Rialzo nel gergo ferroviario, della città di Milano, sono state costruite nel 1931 contemporaneamente alla nuova stazione di Milano Centrale e al potenziamento del nodo ferroviario di Milano per essere destinate alla manutenzione delle vetture ferroviarie che avevano riportato dei piccoli guasti.

 

Lo scalo visto dal posto guida della E626, e sullo sfondo il moderno Skyline milanese

La Squadra Rialzo Milano Centrale oggi è diventata un esempio di archeologia industriale e ciclicamente viene aperta dal FAI (Fondo Ambiente Italiano) in collaborazione con la  Fondazione FS e con altre associazioni che si occupano del recupero, del restauro, della manutenzione e del funzionamento a scopo turistico di rotabili storici.

D343

Oggi le officine non svolgono più il ruolo del passato, perché rimpiazzate da impianti più moderni ed efficienti, tuttavia svolgono un importantissimo ruolo per la memoria storica collettiva, continuando a essere la Squadra Rialzo dei rotabili storici che vengono utilizzati per la composizione dei Treni Storici, che stanno riscuotendo sempre più successo: insomma una sorta di museo itinerante.

Due carrozze “speciali storiche” presenti nel deposito.

All’interno dell’officina sono presenti più di 50 tra locomotive e carrozze storiche! Su molte delle vetture storiche è stato anche possibile salire a bordo: E626, Carro postale, Carrozza letti, E428, Ale883. La locomotiva a vapore 880 era invece funzionante e con al traino una carrozza Corbellini su cui era possibile salire, faceva avanti-indietro per lo scalo. Per chi come me è giovane un’esperienza di questo tipo può essere una novità; ma per altri, magari un po’ più anziani, è stato un salto nel passato!

Purtroppo non so dirvi quando questo meraviglioso posto sarà di nuovo aperto al pubblico, ma se siete interessati all’argomento vi consiglio il sito di fondazionefs.it  che si occupa di custodire il patrimonio ferroviario storico nazionale e settimanalmente effettua treni storici a scopo turistico.

La famosa E626

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *