andreabrambo.it

Viaggio a tappe, Perchè?

Il Viaggio a Tappe

 

Il viaggio a tappe è un tipo di viaggio che ha sempre affascinato, l’idea di viaggiare da una località all’altra, senza una vera e propria meta finale, è molto antica; il Gran Tour, che ha interessato migliaia di ragazzi dell’aristocrazia inglese a partire da metà del XVII secolo, è stato il precursore dei moderni viaggi a tappe.

Ho aperto questo Blog per parlarvi proprio di questo! Per condividere esperienze, fornire consigli sull’organizzazione e nuove idee sulle possibili mete. Sono fermamente convinto che nel viaggio a tappe sia intrinseca l’essenza stessa del viaggio, perché spostarsi da una località all’altra deve essere parte integrante dell’esperienza del viaggiatore, se non addirittura essere essa stessa il viaggio.

Oggi esistono tantissime modalità per fare un viaggio a tappe: dalle più tradizionali vacanze in camper, passando per i viaggi adolescenziali come l’interrail, per finire alla riscoperta dei ‘cammini’.

 

Perché farlo?

 

Ci sono tantissimi motivi per fare un viaggio di questo di genere, un viaggio che rompe la monotonia di un vacanza standard in un resort, in cui puoi andare davvero alla scoperta di nuovi territori e viverli a 360°. Perché la storia di un popolo, di un territorio, non si impara stando sotto l’ombrellone, ma viaggiando, magari con la cartina in mano, all’interno di esso, muovendosi in modo lento e sostenibile o ammirando il paesaggio fuori dal finestrino di un autobus di linea o di un treno regionale. Un altro punto importante è la forte connotazione personale che si può dare alla vacanza, pianificandola a proprio piacimento!

 

Da dove parto?

 

In primo luogo bisogna scegliere il come(o modo) e il dove, ovvero quale territorio esplorare e come esplorarlo; il come e il dove spesso vanno a braccetto, perché certi territori possono essere esplorati solo in determinati modi. Ad esempio la via Francigena la si farà quasi sicuramente a piedi, mentre un tour in uno stato come Germania o Francia lo si può fare tranquillamente in treno, in camper…

 

Pianificare

 

Ed ecco che arriva il bello! Tuttavia pianificare un viaggio a tappe non è affatto facile, dopo aver trovato il come e il dove bisogna costruire il corpo principale del viaggio, l’itinerario; l’itinerario si costruirà partendo dal primo giorno per arrivare all’ultimo, pianificando giorno-per-giorno tutto quello che si vuole visitare scegliendo anche dove alloggiare.

Per chi, come me, adora pianificare, questa sarà la parte più divertente che precede la partenza, il momento in cui senti di avere il pieno potere decisionale sulla vacanza che, da sogno, sta iniziando a prendere una forma reale.

Come primo articolo spero vi sia utile, e vi serva come base elementare per creare un viaggio, perché in un mondo dove tutto è programmato, costruirsi da zero un viaggio è sintomo di libertà.

A breve arriveranno altri articoli per implementare questo su esempi e modelli di viaggio, come l’interrail e altri viaggi costruiti da me e recentemente effettuati

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *